Thursday, October 04, 2007

La Mafia esiste e fa schifo.
Ormai non è più un tema in voga, eppure la mafia è la prima forza economica che abbiamo in Italia, la più potente multinazionale che ha saputo imporsi e farsi conoscere all'estero. Inoltre la storia patria deve molto a questo organismo, visto che ha contribuito più di ogni altro alla formazione della nostra repubblica, essendo stata decisiva per l'Unificazione e fondamentale per abbattere il fascismo e fare sbarcare gli americani in Sicilia. Del resto interi territori sono totalmente sotto il suo controllo così come ogni settore della pubblica amministrazione. Rispetto agli anni '90 è infinitamente più potente e radicata, se non altro perchè nessuno la contrasta. Non la contrastano la magistratura o le forze dell'ordine, non la contrastano le grandi lobbies economiche perchè a loro conviene così, non la contrastano le forze politiche perchè è un serbatoio di voti utilissimo. Anzi è il principale interlocutore che ogni aspirante amministratore della cosa pubblica deve avere per avere successo nella sua carriera. Tanto è vero che persino la commissione antimafia ha al suo interno suoi uomini. Tuttavia, avendo i cittadini-elettori il diritto di sapere chi vanno a votare, ogni candidato, prima delle elezioni, dovrebbe dichiarare pubblicamente di non volere i voti dei mafiosi e esporre quali saranno gli strumenti che adotterà per limitare il fenomeno. Essendo, per i motivi addotti, necessario ed urgente porre all'attenzione generale il problema, la rete può costituire uno straordinario veicolo per raggiungere le finalità espresse. Allora chiedo a tutti i bloggers di attivarsi e di esporre nel loro spazio il banner che vedono in alto con collegamento al presente link. L'iniziativa ha senza dubbio un valore simbolico, ma è tempo che almeno i cittadini normali dichiarino da che parte stanno, soprattutto quando ciò non è scontato. Persino la retorica a volte può servire.

(p) (a href="URL PAGINA DI DESTINAZIONE QUANDO FAI CLIK SULL'IMMAGINE" target="_blank" title="TITOLO A SCELTA")(img src="URL IMMAGINE"/)(/a)
N.B. sostituire alle parentesi tonde le quadre.

5 comments:

Francesco Paolo Catania said...

“Quando i politici dicono che nel Sud lo Stato è assente, sanno benissimo di mentire, in quanto esso è presente appunto nei panni delle stesse cosche mafiose. Tale coincidenza è spiegata dal fatto che lo Stato non fa nulla di decisivo per combattere la criminalità organizzata. Lo Stato - eccettuati naturalmente alcuni suoi singoli esponenti o organismi- non solo è complice di questa criminalità, ma ha addirittura delegato ad essa molte sue funzioni. In un territorio ove la criminalità domina incontrastata, le funzioni dello Stato o non esistono (ovvero sono ridotte al minimo) oppure sono quelle stesse della mafia (...)”

LA MAFIA NASCE NEL 1860 E DURERÀ FINCHÉ DURERÀ LA SOTTOMISSIONE COLONIALE DELLA SICILIA ALL'ITALIA.

I MAFIOSI SONO SOLO I GUARDIANI DI QUESTA DOMINAZIONE.

Francesco

Piedone said...

Condivido ogni parola. Non so di chi sia la citazione, ma è stato appropriato scrivere che lo stato ha delegato alla mafia molte funzioni. Aggiungo, tuttavia, che la mafia non è fenomeno limitato alla Sicilia, ormai è su tutto il patrio suolo, in particolar modo nel meridione.

legionario said...

Non sono d'accordo, sulla mafia si regge l'economia nostrana

Anonymous said...

http://www.fondazionemarianostrano.net/songnndimenticare/Fabrizio%20Moro%20-%20Pensa%20Sanremo%202007%20il%20video%20più%20bello.html

a questo link troverete le parole di Papa Giovanni Paolo II sulla mafia , spero vi aiuti a comprendere. ciao amici

Anonymous said...

bravi